Sicurezza del sangue

La sicurezza degli emocomponenti trasfusi (sangue intero, globuli rossi, piastrine, plasma) costituisce l’obiettivo primario che il Servizio Sanitario Nazionale e i trasfusionisti si sono imposti.
E’ la sicurezza lo strumento attraverso il quale viene tutelata la salute dei donatori e dei pazienti e questo consta nelle seguenti fasi

1° Fase: prelievo del sangue

Le fasi del prelievo:
la disinfezione della cute, il posizionamento dell’ago sterile monouso, il flusso costante, la pesatura ed infine la saldatura dei tubi affinché sia garantita la sterilità.


2° Fase: validazione del sangue

Le indagini di laboratorio hanno, tra le altre, tre finalità principali:

  • Verificare la corrispondenza del gruppo sanguigno
  • Escludere la trasmissione di malattie infettive
  • Salvaguardare la salute del donatore

3° Fase: lavorazione del sangue

Centrifugazione e separazione dei componenti del sangue, si ottengono così:

  • una sacca di globuli rossi
  • una sacca di plasma
  • buffy-coat (leucociti e piastrine)

Il sangue è composto di elementi di peso diverso, una parte liquida (il plasma) e una parte corpuscolare (cellule) costituita da globuli rossi o eritrociti, globuli bianchi o leucociti e piastrine. Mediante centrifugazione si procede alla separazione degli elementi: globuli rossi, leucociti con le piastrine (buffy coat), e plasma, che vengono trasferiti in apposite sacche collegate sterilmente alla sacca madre.
I tre “prodotti” derivati dalla centrifugazione sono conservati alla temperatura più idonea al loro mantenimento, ma non possono essere utilizzati sino a che la fase di “validazione biologica” non le renderà disponibili per l’assegnazione.
Gli emocomponenti ottenuti dalla fase di lavorazione possono essere utilizzati solo quando le indagini di laboratorio ne hanno stabilito l’idoneità all’utilizzo.
Gli esami siero-virologici effettuati sono volti a smascherare la possibile presenza di agenti infettanti quali i virus causa di epatite B o C, la lue e l’HIV. In laboratorio vengono utilizzate indagini sofisticatissime e di alta sensibilità, comprese quelle in biologia molecolare che, combinate con l'accurata selezione del donatore e un oculato utilizzo degli emocomponenti, consentono oggi di definire un rischio residuo per tali malattie nell’ordine di una possibile infezione su centinaia di migliaia o addirittura milioni di donazioni.

Leggi le altre faq

DOCUMENTI PERSONALI DA ESIBIRE OBBLIGATORIAMENTE ALLA DONAZIONE
Viste le nuove disposizioni procedurali introdotte nella fase di accoglienza e di accettazione dei Donatori in sede di donazione dobbiamo obbligatoriamente richiedere l'esibizione del TESSERINO SANITARIO in c
Si può guidare dopo la donazione?
Sì, senza problemi, ovviamente a condizione di sentirsi bene.
Quali sono i tempi di ripresa dell'organismo?
Rispetto al volume totale di sangue presente nell'organismo la quantità di sangue prelevato è talmente minima che la sua perdita viene rapidamente compensata.
Quanto dura una donazione di sangue?
La donazione vera e propria dura solo dieci minuti circa. Bisogna calcolare anche altri 10 minuti di riposo sul lettino per evitare spiacevoli reazioni avverse.
450 ml di sangue, non sono troppi?
Un adulto dispone di quattro/sei litri di sangue, a seconda del peso.
Perché occorre ogni volta compilare un questionario?
Il questionario e le domande complementari poste oralmente dal personale medico sono necessari per appurare qual è lo stato di salute del donatore.
Gli sportivi di alto livello possono donare?
In via di massima si raccomanda di rinunciare ad attività sportive di alto livello (compresa l'immersione) per uno o due giorni dopo il prelievo.
Perché non si può donare sangue prima dei 18 anni?
Bisogna avere la maggiore età in quanto, dal profilo giuridico, la donazione di sangue è un intervento medico.
La donazione di sangue comporta un rischio per la salute?
No.
Donare è doloroso?
No. Donare sangue è una cosa totalmente diversa rispetto a ciò che molti si immaginano.
Vengo informato sull'esito dell'esame del sangue ?
Ogni anno, o comunque per donazioni distanti più di un anno l'una dall'altra, al donatore verrà inviato a casa l'esito dell'esame del sangue.
Cosa avviene del sangue che ho donato?
Ogni prelievo di sangue viene innanzitutto sottoposto ad accurate analisi di laboratorio.